Il regolamento della Rivista

Rivista di Studi di Fotografia
Regolamento

Premessa

All’atto della sua nascita, nel 2006, la SISF aveva posto fra i suoi obiettivi statutari quello di “promuovere una attività editoriale in proprio e in collaborazione con le principali riviste del settore […]”.

In seguito alla crisi che portò dopo il 2010 alla chiusura di tutte le principali riviste di riferimento, la SISF progettò l’istituzione di una rivista scientifica pubblicata in proprio, che ebbe attuazione con la pubblicazione a partire dal 2015 di “RSF. Rivista di studi di fotografia”.

La pubblicazione era indirizzata specificamente, come risulta dai verbali delle assemblee e dei CD SISF dell’epoca, a colmare un vuoto, dotando nuovamente il settore di studi di uno strumento che si stava rivelando essenziale per la validazione e valutazione dei risultati scientifici in ambito universitario e non solo. La SISF decise quindi di investire una parte notevole delle proprie risorse e dell’impegno dei propri membri a questo fine.

L’esperienza di RSF è stata estremamente positiva, e proprio recentemente è giunto il riconoscimento ministeriale fin dall’inizio auspicato, cioè la qualifica di rivista di classe A per due dei maggiori settori scientifici, L-ART/03 (Storia dell’arte contemporanea) e L-ART/06 (Cinema, fotografia e televisione) ricompresi nell’Area 10 di studi denominata “Scienze dell’antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche), che hanno pertinenza con il campo degli studi sulla fotografia. Questo risultato, che permette agli studiosi italiani di avere una sede editoriale riconosciuta al massimo livello per la valutazione dei propri studi in ambito universitario, costituisce un punto fermo che pone termine alla fase iniziale e per così dire sperimentale di vita della rivista, ed ha indotto la presidenza della SISF a proporre un esplicito inserimento nello statuto di questa nuova realtà, da realizzare nella prossima assemblea, e a prevedere, in unione con l’attuale direzione scientifica della rivista, un assetto organizzativo stabile e formalizzato per promuovere nel modo migliore lo sviluppo e la maggiore diffusione della rivista.

A tal fine propone, in accordo con la Direzione della rivista, il seguente Regolamento, inteso a regolare l’ordinamento e il funzionamento degli organi della rivista, ed i loro rapporti con gli altri organi direttivi SISF, da adottare in via informale dal momento della sua approvazione in CD, e da far ratificare nella prossima assemblea.

Regolamento

 1) Finalità e organi direttivi di RSF

L’ Associazione SISF promuove e sostiene l’edizione di una rivista denominata “RSF- Rivista di studi di fotografia” (RSF) con i seguenti obiettivi:

Alimentare uno spazio di confronto e dibattito scientifico relativo alla complessità della fotografia, alla sua storia, al suo ruolo nel patrimonio culturale, a livello nazionale e internazionale.

Riflettere la molteplicità degli sguardi culturali sull’oggetto di studio, includendo e moltiplicando le prospettive di ricerca, tenendo conto degli sviluppi internazionali.

Sollecitare ampie riflessioni anche su singoli tematiche, tali da poter essere raccolte in un numero monografico.

2) Organi

Sono organi della rivista:

  1. a) Il Direttore Scientifico (Editor in Chief)
  2. b) Il Direttore Responsabile (Managing Editor)
  3. c)  Il Vice-Direttore (Vice-Editor in Chief)
  4. d)  Il Comitato Direttivo (Co-Editors)
  5. e)  La Segreteria di Direzione (Editorial Assistant)
  6. f)   Il Comitato di Redazione (Editorial Board)
  7. g)  Il Comitato Scientifico Internazionale (International Advisory Board)

2.1) Responsabilità dei direttori di RSF

I direttori, ovvero il Direttore Scientifico e il Direttore Responsabile, nonché il Vice-Direttore, sono nominati dal Consiglio Direttivo (CD) della SISF. La nomina avviene non prima dei 12 mesi successivi alla data di insediamento di ogni nuovo CD SISF.

I Direttori devono essere soci della SISF; vi è incompatibilità con la carica di Presidente o Vice-Presidente SISF, ma possono essere nominati fra i membri del Consiglio Direttivo, o degli altri Comitati o Collegi SISF; la loro carica dura tre anni. La carica è rinnovabile senza limiti prefissati.

I Direttori assumono la responsabilità, dal punto di vista scientifico e legale, della pubblicazione della rivista nelle forme e con la periodicità concordate dalla SISF con l’editore, secondo le modalità sotto esplicitate.

Il Direttore Scientifico coordina e presiede alle attività degli organi della rivista; relaziona annualmente sulle attività svolte e sulla programmazione in atto al CD e all’Assemblea SISF; può delegare parte delle sue funzioni al Vice-Direttore.

Il Vice-Direttore partecipa a tutti gli organi collegiali della rivista, coadiuvando il Direttore Scientifico e assumendo eventualmente le funzioni che il Direttore stesso intenda volta a volta delegargli.

Il Direttore Responsabile assume le funzioni di legge previste per la sua figura, ferma restando la direzione scientifica in capo al Direttore Scientifico.

Eventuali trasformazioni della rivista (periodicità, editore, etc.) devono essere sottoposte ed approvate dalla proprietà della rivista, cioè dal CD della SISF.

Per il lavoro dei Direttori di RSF, così come del Comitato Direttivo, del Comitato di Redazione e del Comitato Scientifico Internazionale, non sarà dovuto alcun compenso.

2.2) Comitato Direttivo (Co-Editors)

Spetta al Direttore Scientifico proporre la nomina del Comitato Direttivo (devono essere nominati almeno tre membri e non più di cinque). La nomina deve essere ratificata dal Consiglio Direttivo SISF, che può chiederne una riformulazione solo con la maggioranza qualificata dei due terzi dei propri componenti, e dei tre quarti dei presenti e votanti.

I membri devono essere soci della SISF. La loro carica è fissata in tre anni, con la stessa scadenza di quella del Direttore Scientifico. La carica è rinnovabile.

La loro nomina è effettuata in ragione delle loro ampie competenze sulla materia, della loro autorevolezza nazionale e internazionale e delle capacità di lavorare in team.

Il loro compito è di partecipare al governo della rivista, predisporre la programmazione dei numeri della rivista e delle attività collaterali, gestire le procedure di referaggio, essere interlocutori con gli autori ed eseguire l’editing dei testi con la collaborazione della Segreteria di Direzione.

Il Comitato Direttivo si riunisce almeno tre volte all’anno, e comunque ogni volta che lo richieda il Direttore. È possibile la riunione in forma telematica.

2.3) Segreteria di Direzione (Editorial Assistant)

Spetta al Direttore Scientifico la nomina della Segreteria di Direzione (costituita da almeno un membro e non più di due).

Deve essere membro SISF e la carica è fissata in tre anni. La carica è rinnovabile.

La Segreteria di Direzione coadiuva il lavoro della Direzione e del Comitato di Direzione, in particolare nella corrispondenza tecnica con gli autori, i referees, e partecipa ai lavori di editing dei testi.

2.4) Comitato di Redazione (Editorial Board)

Spetta al Direttore Scientifico, in consultazione con il Comitato Direttivo, la nomina dei membri del Comitato di Redazione

Il Comitato di Redazione può accogliere nuovi membri durante il suo mandato, fermo restando che il mandato assunto scade alla fine del ciclo triennale all’interno del quale è stato iniziato. Il mandato è rinnovabile. I membri devono essere soci della SISF per il periodo del loro mandato.

I membri (non meno di cinque) devono essere scelti sulla base di criteri che tengono conto della diversità delle competenze negli studi di fotografia, in modo conforme alla missione della SISF, nonché della diversità dei ruoli nel mondo della ricerca e della capacità di promuovere e mantenere contatti in questi settori.

Il compito principale del Comitato di Redazione è di collaborare alla attività scientifica della rivista, discutendo la programmazione, aggiornando su studi e ricerche in corso, promuovendo l’arrivo di nuovi autori, valutando periodicamente i singoli testi soggetti all’approvazione preventiva degli organi di RSF.

Il Comitato di Redazione definirà le responsabilità specifiche dei singoli membri, sulla base di competenze e disponibilità, eventualmente assegnando ai propri membri ulteriori mansioni che risultassero utili per il miglioramento della rivista.

I membri del Comitato di Redazione sono tenuti a partecipare ad almeno due riunioni annuali (eventualmente anche in forma telematica) dietro convocazione del Direttore Scientifico, e a partecipare alla valutazione dei testi proposti per la pubblicazione. In caso di tre assenze consecutive non giustificate o di nessuna risposta alle proposte di valutazione dei testi verranno esclusi.

Il Comitato di Redazione discute e approva la programmazione predisposta dal Comitato Direttivo, delegandone l’attuazione al Direttore Scientifico.

2.5) Comitato Scientifico internazionale (International Advisory Board)

Il Comitato Scientifico è garante del livello di qualità di RSF e della sua programmazione.

Viene nominato dalla SISF in consultazione con il Direttore scientifico e il Comitato Direttivo, e deve essere consultato periodicamente.

Deve includere almeno dieci studiosi che devono riflettere la varietà di interessi scientifici negli studi di fotografia e la pluralità di approcci anche da un punto di vista extra-disciplinare; devono comunque avere competenze e autorevolezza internazionali. Inoltre una parte deve essere straniera.

La durata è di sei anni, rinnovabile.

3) Conflitti

Nel caso in cui alcune problematiche non siano risolvibili fra la Direzione, il Comitato Direttivo e il Comitato di Redazione, le parti concordano nella nomina di una commissione di mediazione nominata dagli organi RSF alla quale è dato il mandato di risolvere il conflitto e, se necessario, di sottoporre all’approvazione del CD della SISF eventuali rimozioni di componenti degli organi della rivista RSF.

4) Gestione

Le spese per il lavoro di Segreteria di Direzione, oltre a quelle di produzione della rivista (impaginazione, pubblicazione in forma digitale e/o cartacea) sono determinate dalla SISF che, in quanto proprietaria della rivista, se ne assume l’onere.

La SISF provvede con la sua Segreteria alla gestione dell’indirizzario dei soci SISF e alla gestione delle copie da conservare e in omaggio, nonché al controllo della qualità della produzione dell’editore e alla gestione di eventuali controversie.

La scelta dell’editore è deliberata dal CD della SISF, previa consultazione della Direzione della rivista. I rapporti con l’editore sono coordinati dalla SISF, proprietaria della rivista. La SISF avrà il compito di seguire i rapporti contrattuali e amministrativi con l’editore mentre il Direttore Scientifico terrà direttamente con l’editore i rapporti relativi alla progettazione e produzione della rivista.

Approvato dal CD SISF in data 6 luglio 2020