Cantieri SISF 2014 – Call for paper

Sguardi fotografici sul territorio: progetti e protagonisti fra storia e contemporaneità in Italia

I Cantieri SISF: giornate di studio promosse dalla Società Italiana per lo Studio della Fotografia
Ravenna, 20-22 novembre 2014

Call for paper
Se la critica è stata concorde a riconoscere l’importanza dei progetti sulle trasformazioni del paesaggio legati a rapporti di committenza istituzionale, che in parte hanno caratterizzato la cultura della fotografia italiana negli anni Ottanta e Novanta, l’ultimo decennio sancisce una diversa situazione. Questa è dovuta al cambio degli attori coinvolti e delle politiche implicate, all’aumento dei progetti fotografici autonomi (e della loro visibilità) condotti sul territorio nella sua ampiezza tematica (città, spazi abitati, paesaggio, etc.) e di scala (città, quartiere, strada, etc.), specificando che il tema del “territorio” ―termine semplice che condensa significati complessi e da storicizzare ― appare come una sorta di specificità nella storia della fotografia italiana contemporanea.
I Cantieri SISF propongono, piuttosto che parlare genericamente di “fotografia”, di fare riferimento a veri e propri “progetti fotografici” realizzati da una rosa di giovani protagonisti (singoli o gruppi) i quali ―pur se con una pluralità di approcci e linguaggi― hanno come comune denominatore il tema del territorio interpretato nelle sue forme antropomorfe, storico-artistiche, economiche o infrastrutturali (ben consapevoli delle ambiguità sia del termine territorio sia delle possibilità documentarie della fotografia, ma anche delle necessità etiche che il loro incrocio nel tempo presente implica).
Tuttavia, tutto ciò non può prescindere da un dialogo con i precedenti storici. I Cantieri SISF rappresentano quindi un’occasione di confronto tra ciò che è stata una particolare interpretazione del territorio nella storia della fotografia italiana e i nuovi punti di vista che nascono dalla contemporaneità. Si tratta di mettere a fuoco come il progetto fotografico abbia potuto verificare, mettere in crisi o ampliare il pensiero sul territorio e ―al contempo― come i discorsi e le politiche sul territorio abbiano influenzato il progetto fotografico, la sua genesi e il suo sviluppo fino alla politica della sua conservazione.
Inoltre, I Cantieri SISF intendono porre la domanda se nel campo degli studi, della conservazione e della promozione il “progetto fotografico” (nei suoi valori di serie, sequenza e processualità stessa) non sia solo da intendersi come un iter necessario per la realizzazione di un’opera finale – in cui il carattere autoriale è fortemente riconoscibile in quanto appunto ne stabilisce la forma definitiva -, quanto piuttosto come la possibilità di costituire un corpus con una sua rilevanza autonoma, e che come tale potrebbe essere parte di un progetto di conservazione, di rielaborazione e di “memoria culturale” più ampio e complessivo.

A chi è indirizzato:
A) studiosi di diverse discipline che intendono offrire nuovi spunti relativamente alla fotografia del territorio sia della contemporaneità sia della storia (casi di studio, approcci teorici etc.);
B) fotografi, conservatori, storici, amministratori etc. per raccogliere esperienze relative a progetti fotografici storici e contemporanei incentrati su una particolare interpretazione fotografica del territorio italiano e realizzati da singoli autori o da gruppi (istituzionali e non istituzionali), e considerati anche in relazione alla loro conservazione nelle istituzioni pubbliche o private (biblioteche, archivi, musei, fondazioni, etc.).

Principali questioni proposte:
– il territorio e la sua visualità: questioni teoriche e terminologiche;
– l’ordine dei discorsi sul territorio e l’influenza sul pensiero della fotografia;
– l’ordine dei discorsi sulla fotografia e l’influenza sul pensiero sul territorio;
– la fotografia sul territorio e le politiche di gestione del territorio;
– protagonisti e attori della fotografia sul territorio;
– la committenza in relazione alla visibilità dei progetti e alle loro ricadute sul territorio;
– la fotografia sul territorio come precedente storico illustre per la fotografia contemporanea?
– il progetto fotografico: una specificità del lavoro del fotografo e una possibilità di studio;
– il progetto fotografico fra ricerca autonoma e committenza;
– il progetto fotografico nell’archivio: problematiche d’analisi, conoscenza e conservazione;
– proposte per la conoscenza e il “riuso” culturale di progetti fotografici.

Scadenza:
Presentazione delle domande all’indirizzo: cantieri.sisf@gmail.com
entro il 30 settembre 2014.

Documentazione da inviare:
Si accettano sia proposte nella forma classica di interventi orali nelle giornate di studio, sia manifestazioni di interesse per invio di materiali e documentazione relativa a progetti da diffondere e presentare in apposite sessioni poster.
Per gli autori del gruppo A):
Abstract dei contenuti che si desiderano trattare con relativo titolo (massimo 2.000 caratteri) ed un breve CV (massimo 1.000 caratteri)
Per gli autori del gruppo B):
– un breve Profilo (massimo 1.000 caratteri) del fotografo o del gruppo che risulta essere autore del progetto fotografico, e/o dell’istituzione che lo conserva, con una succinta descrizione (massimo 4.000 caratteri) del progetto e/o delle esperienze di conservazione e riuso che si intendono presentare.

Menu